<!DOCTYPE html PUBLIC "-//W3C//DTD XHTML 1.0 Transitional//EN" "http://www.w3.org/TR/xhtml1/DTD/xhtml1-transitional.dtd"> <html xmlns="http://www.w3.org/1999/xhtml"> <head> <!-- First uploaded 23 nov 1999 by Jorn Andersen --> <meta name="Generator" content="Stone's WebWriter 3.5" /> <meta name="Description" content="Lenin: 'La guerra e il socialismo internazionale' (1914)" /> <meta name="Keywords" content="Lenin, Marx, Engels, rivoluzione, proletariato, borghesia, socialismo, comunismo" /> <meta http-equiv="Content-Type" content="text/html; charset=utf-16be" /> <meta name="Author" content="V. I. Lenin/Ivan Argenio" /> <link rel="STYLESHEET" type="text/css" href="../../../css/doc.css" /> <title>MIA - Lenin: La guerra e il socialismo internazionale (1914)</title> </head> <body bgcolor="#FFFFF0" text="#000000" link="#0000FF" vlink="#3300FF" alink="#FF0000"> <p class="toplink"><a name="topp" href="../../index.htm" id="topp">[ Archivio di Lenin ]</a></p> <h1 align="center">La guerra e il socialismo internazionale</h1> <h2 align="center">Vladimir Lenin (1914)</h2> <p>&nbsp;</p> <hr size="1" noshade="noshade" /> Scritto alla fine di agosto-settembre 1914.<br /> Pubblicato per la prima volta il primo agosto 1929 sulla <em>Pravda</em> n. 174.<br /> Trascitto per internet da <em>Elisa</em>, luglio 2001 <hr size="1" noshade="noshade" /> <p>&nbsp;</p> <p>Al socialista pi che gli orrori della guerra , -noi siamo per la "santa guerra per tutti gli oppressi per la conquista delle <em>loro</em> patrie!" <a name="1" href="#n1">[1]</a>,-pesano gli orrori del tradimento perpetrato dai capi del socialismo contemporaneo, gli orrori del fallimento dell'attuale Internazionale.</p> <p>Non forse un tradimento della Socialdemocrazia il sorprendente cambiamento di fronte (dopo la dichiarazione di guerra della Germania) dei socialisti tedeschi ? Non sono un tradimento le frasi bugiarde sulla lotta liberatrice contro lo zarismo ? Il silenzio sull'imperialismo tedesco ? Il silenzio sul saccheggio della Serbia? Sugli interessi borghesi nella guerra contro l'Inghilterra ? Ecc.Ecc? Patrioti,sciovinisti , essi votano per i crediti di guerra !!</p> <p>Non commettono lo stesso tradimento i socialisti francesi e belgi ? Essi smascherano assai bene l'Imperialismo tedesco ma sono purtroppo sorprendentemente ciechi dinnanzi all'imperialismi inglese,francese e a quello particolarmente barbaro della Russia! Essi non vedono il fatto lampante che la borghesia francese, per decine e decine di anni, ha assoldato a suon di miliardi le bande centonere dello zarismo russo, che questo zarismo opprime la maggioranza allogena della Russia, saccheggia la Polonia, opprime gli operai e i contadini della Grande Russia, ecc.?</p> <p>In un momento come questo un socialista si sente sollevato vedendo come <em>l'Avanti</em>! Ha detto, coraggiosamente e schiettamente, l'amara verit in faccia a <a href="../../../enciclopedia/s.htm#p58"><u><font color="#0000FF">Sdekum</font></u></a>, ai socialisti tedeschi, affermando che essi sono <em>imperialisti</em>, cio sciovinisti. Si prova un sollievo ancora maggiore quando si legge l'articolo di Zibordi ( <em>Avanti</em>!, 2 settembre), in cui viene smascherato non solo lo sciovinismo della borghesia tedesca e austriaca (il che vantaggioso dal punto di vista della borghesia <em>italiana</em>), ma anche di quella <em>francese,</em> in cui si afferma che la guerra una guerra della borghesia di <em>tutti</em> i paesi!!</p> <p>La posizione <em>dell'Avanti</em>! e l'articolo di <em>Zibordi</em> - come pure la risoluzione votata da un gruppo di socialdemocratici rivoluzionari (in una recente conferenza tenutasi in un paese scandinavo) <a name="2" href="#n2">[2]</a> - ci dicono che cosa vi di giusto e di non giusto nelle correnti affermazioni sul fallimento dell'Internazionale. I borghesi e gli opportunisti ("riformisti di destra" <a href="#n1"><u><font color="#0000FF">[1]</font></u></a>) ripetono questa affermazione rallegrandosene, i socialisti la ripetono con amarezza (<em>Volksrecht</em> di Zurigo <a name="3" href="#n3">[3]</a>, <em>Bremer Brger-Zeitung</em> <a name="4" href="#n4">[4]</a>). In questa affermazione c' una gran parte di verit!! La bancarotta dei <em>capi</em> e della maggioranza dei partiti dell' <em>attuale</em> Internazionale un <em>fatto.</em> (Confrontate il <em>Vorwarts</em> <a name="5" href="#n5">[5]</a>, la <em>Arbeiter-Zeitung</em> <a name="6" href="#n6">[6]</a> di Vienna, l'<em>Hamburger Echo</em> <a name="7" href="#n7">[7]</a> con l'<em>Humanit</em>, e l'appello dei socialisti belgi e francesi con la "risposta" del <em>Vorstand</em> tedesco <a name="8" href="#n8">[8]</a>). Le masse non si sono <em>ancora</em> pronunciate!!!</p> <p>Ma Zibordi ha mille volte ragione quando dice che non la "dottrina sbagliata"<a href="#n1"><u><font color="#0000FF">[1]</font></u></a>, non il socialismo un rimedio errato<a href="#n1"><u><font color="#0000FF">[1]</font></u></a>: "semplicemente non erano in dose bastante", gli altri socialisti non sono "abbastanza socialisti".</p> <p>Nell'Internazionale <em>europea</em> <em>dei</em> <em>nostri</em> <em>giorni</em> ha fatto fallimento non il socialismo, ma il socialismo non bastante, cio <em>l'opportunismo</em> e il <em>riformismo.</em> Proprio questa "tendenza", che esiste dappertutto, in tutti i paesi, ed cos ben rappresentata da Bissolati e soci in Italia, fallita; proprio essa per anni ha <em>insegnato</em> a dimenticare la lotta di classe <em>ecc. ecc. - vedi la risoluzione</em> <a name="9" href="#n9">[9]</a>.</p> <p>Zibordi ha ragione quando vede la colpa principale dei socialisti europei nel fatto che essi "cercano nobilitare con postumi motivi la loro incapacit a prevenire, la loro necessit di partecipare al macello" <a href="#n1"><u><font color="#0000FF">[1]</font></u></a>, che il socialismo europeo " preferisce fingere di fare per amore ci che costretto a fare senza forza" <a href="#n1"><u><font color="#0000FF">[1]</font></u></a>, che i socialisti "<em>solidarizzano</em> ciascuno con la propria nazione, col governo <em>borghese</em> della propria nazionein una misura da formare una delusione per noi" <a href="#n1"><u><font color="#0000FF">[1]</font></u></a> (e per tutti i socialisti <em>non</em> opportunisti) "e un compiacimento per tutti i non socialisti d'Italia"<a href="#n1"><u><font color="#0000FF">[1]</font></u></a>(e non solo dell'Italia, ma di tutti i paesi: vedi, per esempio, il liberalismo russo).</p> <p>Ammessa pure la completa "incapacit" <a href="#n1"><u><font color="#0000FF">[1]</font></u></a> e impotenza dei socialisti europei, la condotta dei loro capi un tradimento e una bassezza: gli operai sono andati al macello, ma i capi? Votano <em>a</em> <em>favore</em>, entrano nel <em>ministero</em>!!! Anche in caso di completa impotenza essi avrebbero dovuto votare <em>contro, non entrare</em> nel ministero, non pronunziare ignominie scioviniste, <em>non</em> solidarizzare con la propria "nazione", <em>non</em> difendere la "propria" borghesia ma al contrario avrebbero dovuto denunciarne le nefandezze.</p> <p>Poich la borghesia e gli imperialisti sono <em>dappertutto</em>, l'infame preparazione del macello dappertutto; se lo zarismo russo (il pi reazionario di tutti) <em>particolarmente</em> infame e barbaro, nondimeno, l'imperialismo tedesco monarchico: ha scopi dinastico-feudali, una borghesia rozza, meno libera che in Francia. I socialdemocratici russi hanno detto con ragione che <em>per loro</em> il male minore sarebbe la disfatta dello zarismo, che il <em>loro</em> nemico diretto lo sciovinismo <em>grande-russo</em>, ma i socialisti (non opportunisti) di ogni paese dovevano vedere il loro nemico principale nel "proprio" ("patrio") sciovinismo.</p> <p>Ma poi vero che l' "incapacit" <a href="#n1"><u><font color="#0000FF">[1]</font></u></a> sia poi talmente assoluta? cos? Fucilare? <em>Heldentod</em>? <a name="10" href="#n10">[10]</a> e morte infame?? In vantaggio di "<em>un'altra patria</em>"?? <a href="#n1"><u><font color="#0000FF">[1]</font></u></a> Non sempre!! Era possibile, era in ogni caso indispensabile prendere l'<em>iniziativa.</em> La propaganda illegale e la guerra civile sarebbero <em>pi oneste</em>, sarebbero pi opportune per i socialisti (<em>questo</em> propagandano i socialisti russi).</p> <p>Per esempio, ci si culla nell'illusione che la guerra finir, le cose si aggiusterannoNo!! Perch il fallimento dell'attuale Internazionale (1889-1914) non sia il fallimento del socialismo, perch le <em>masse</em> non si allontanino, per evitare il dominio dell'anarchia e del sindacalismo (vergognoso come in Francia), bisogna guardare la verit in faccia. Chiunque vinca, l'Europa minacciata da una <em>intensificazione</em> dello sciovinismo, del "<em>revanscismo</em>", ecc. Il militarismo tedesco o grande-russo suscita un contro-sciovinismo, ecc. ecc.</p> <p> nostro dovere trarre la conclusione che l'opportunismo, il riformismo, che stato cos solennemente proclamato in Italia (e cos fermamente stroncato dai compagni italiani <a name="11" href="#n11">[11]</a>), pienamente fallito e<a name="12" href="#n12">[12]</a></p> <p>&nbsp;</p> <p>&nbsp;</p> <p><em>N.B. Menzionare</em>:l'atteggiamento sprezzante, sdegnoso della Neue Zeit verso i socialisti italiani e l'<em>Avanti!</em>: piccole concessioni all'opportunismo!!! "Giusto mezzo".</p> <p>Il cosiddetto "centro" uguale lacch degli opportunisti.</p> <p>&nbsp;</p> <p>&nbsp;</p> <h3 align="center">Note</h3> <p class="note"><a name="n1" href="#1" id="n1">1.</a> In italiano nel testo.</p> <p class="note"><a name="n2" href="#2" id="n2">2.</a> si veda: <em>I compiti della socialdemocrazia rivoluzionaria nella guerra europea</em>.</p> <p class="note"><a name="n3" href="#3" id="n3">3.</a> <em>Volksrecht (Das),</em> quotidiano organo del Partito socialdemocratico svizzero. Si pubblica a Zurigo dal 1898.</p> <p class="note"><a name="n4" href="#4" id="n4">4.</a> <em>Bremer Burger-Zeitung,</em> quotidiano socialdemocratico; usc a Brema dal 1890 al 1919; fino al 1916 fu influenzato dalla sinistra socialdemocratica di Brema, poi pass in mano ai socialsciovinisti.</p> <p class="note"><a name="n5" href="#5" id="n5">5.</a> Si veda la nota 35.</p> <p class="note"><a name="n6" href="#6" id="n6">6.</a><em>Weiner Arbeiter-Zeitung,</em> quotidiano, organo centrale della socialdemocrazia austriaca. Fondato da V. Adler nel 1899 a Vienna. Negli anni della prima guerra mondiale assunse una posizione socialsciovinista.</p> <p class="note"><a name="n7" href="#7" id="n7">7.</a> <em>Hamburger Echo,</em> quotidiano, organo dell' organizzazione amburghese del Partito socialdemocratico tedesco, fondato nel 1875. Durante la prima guerra mondiale assunse una posizione socialsciovinistica.</p> <p class="note"><a name="n8" href="#8" id="n8">8.</a> Lenin si riferisce all'appello al popolo tedesco, redatto dalle delegazioni francesi e belga dell'Ufficio socialista internazionale e pubblicato il 6 settembre sull' <em>Humanit</em>. Vi si accusavano il governo tedesco per i suoi piani di invasione e i soldati tedeschi per le crudelt perpetrate nei territori gi occupati. La presidenza del Partito socialdemocratico tedesco protest contro questo appello il 10 settembre sul <em>Vorwarts,</em> n.247.<br /> L'episodio provoc una polemica di stampa fra i socialsciovinisti francesi e tedeschi, nel corso della quale le parti cercarono di giustificare la partecipazione del governo del proprio paese alla guerra facendone ricadere la colpa sui governi degli altri paesi.</p> <p class="note"><a name="n9" href="#9" id="n9">9.</a> Si tratta della risoluzione di un gruppo di bolscevichi adottata alla Conferenza di Berna (si veda nel presente volume le pp. 303-306).</p> <p class="note"><a name="n10" href="#10" id="n10">10.</a> In tedesco "morte eroica".</p> <p class="note"><a name="n11" href="#11" id="n11">11.</a> Il manoscritto finisce qui. Le due frasi successive sono annotazione a margine.</p> <p class="note"><a name="n12" href="#12" id="n12">12.</a>Sino dalla fondazione del Partito socialista italiano (1892) si svolse al suo interno un'acuta lotta ideologica fra le tendenze - opportunistica e rivoluzionaria - che divergevano sulle questioni della politica e della tattica del partito. Nel 1912, al congresso di Reggio Emilia, sotto la pressione della sinistra, i riformisti pi dichiarati, fautori della guerra e della collaborazione con il governo e la borghesia (Bonomi, Bissolati) furono espulsi dal partito. Nel periodo che va dall'inizio del conflitto all'entrata in guerra dell'Italia, il Partito socialista italiano prese posizioni contro le posizioni contro la guerra, lanci la parola d'ordine: "Contro la guerra, per la neutralit!". Nel dicembre 1914 fu espulso dal partito un gruppo di rinnegati (Mussolini ed altri) che, difendendo la politica imperialistica borghese, si schier con gli interventisti. I socialisti italiani tennero insieme ai socialisti svizzeri una conferenza a Lugano (1914), presero parte attiva alle Conferenze socialiste internazionali di Zimmerwald (1915) e di Kienthal (1916). In sostanza, per, il Partito socialista italiano assunse una posizione centrista. Nel maggio 1915, dopo l'entrata in guerra a fianco dell'Intesa, il Partito socialista italiano rinunci alla lotta contro la guerra imperialistica e si attest sulla formula di compromesso: "N aderire n sabotare", che significava di fatto l'appoggio alla guerra.</p> <p>&nbsp;</p> <p>&nbsp;</p> <p class="link"><a href="#topp">Inizio pagina</a></p> <hr size="1" noshade="noshade" /> <p class="updat">Ultima modifica <!-- WebWriter AutoDato -->24.12.2003<!-- WW --></p> </body> </html>